change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
9 Ottobre 2016 | BERLINO, GERMANIA

No More Walls - 10 anni di Scuola della Pace a Berlino

Festa nel quartiere di Neukölln per una cultura del vivere insieme

 
versione stampabile

Una festa con più di 20 nazionalità – i bambini delle Scuole della Pace di Berlino e le loro famiglie, studenti, liceali: La festa è stato il segno di una società aperta e un invito all’incontro.

In occasione dei dieci anni della Scuola della Pace di Berlino, sabato 8 ottobre, si è tenuta una grande festa cittadina nella centrale Hermannplatz a Berlino-Neukölln, con centinaia di ospiti. Il quartiere di Neukölln, dove la Comunità di Sant’Egidio lavora da dieci anni, ha tra i suoi residenti molti immigrati; un quartiere multi-etnico ed in parte povero dove la convivenza non è sempre facile. La festa, che è stata organizzata dai Giovani per la Pace della Comunità di Sant’Egidio, è stata uno spazio di incontro nel quale i bambini della Scuola della Pace e le loro famiglie hanno potuto incontrare altri bambini, liceali, studenti, anziani, residenti del quartiere e tanti altri berlinesi.

Il sindaco di Berlino-Neukölln, la sig.ra Giffey, nel suo saluto si è rivolta in modo particolare ai bambini presenti incoraggiandoli a vivere in modo aperto l’incontro con le altre culture anche in età adulta.

Sul palco si sono alternate band, giochi, canti arabi, uno spettacolo oragnizzato dai bambini della Scuola della Pace e tante testimonianze di bambini, rifugiati, anziani. Oltre a questo c’erano numerosi stand in cui i bambini potevano giocare e trovare dolci.

Jasmin di Neukölln ha detto cosa significa per lei la Scuola della Pace: "Ogni settimana i miei amici più grandi mi aiutano a studiare, facciamo gite e ci divertiamo molto. Ma la cosa migliore è che mi stanno a sentire. Posso raccontargli tutto… Abbiamo amici anche in Malawi e a Cuba… Mi piace molto essere nella Scuola della Pace. Non avrei mai immaginato di poter avere tanti amici nel mondo”.

Molto significativa è stata la presenza della nuova Scuola della Pace iniziata dai Giovani per la Pace in un campo profughi nel quartiere berlinese di Hohenschönhausen. Nazanin, una bambina afgana, ha raccontato ai presenti della sua fuga attraverso l’Iran e la Turchia verso l’Europa. Un viaggio che ha significato anche attraversare il Mediterraneo con un piccolo scafo insieme ai genitori e la sorella più piccola. Sono sopravvissuti al viaggio e adesso tentano di stabilirsi in Germania.

Molte persone in fuga invece muoiono lungo la strada o nel mare. Per questo la Comunità di Sant’Egidio ha dato vita ai Corridoi umanitari che permettono a chi fugge di raggiungere in modo sicuro l'Europa. Uno spazio della festa è stato dedicato alla presentazione di questo progetto che ha permesso fino ad oggi ad alcune centinaia di profughi in fuga da zone di guerra di stabilirsi in Italia.

I bambini non vogliono i muri tra i Paesi e tra giovani e anziani; lo hanno detto chiaramente Sinthu e la signora Zimiok. Sinthu, una ex bambina della Scuola della Pace che è oggi parte dei Giovani della Pace ha raccontato delle sue visite in un istituto per anziani di Berlino dove è nata rapidamente un'amicizia con la signora Zimiok, che vive lì. Anche la signora Zimiok ha raccontato della sua amicizia con Shintu e della gioia con la quale attende ogni visita.

Alla fine della festa ogni bambino ha scritto un desiderio su un foglio che è poi salito in cielo legato ad un palloncino. Majed dalla Siria ha espresso un desiderio particolare a tutti presenti: "Noi sentiamo tutti i giorni cosa succede ad Aleppo e in Siria. Questo mi fa molto male. E’ il mio Paese. E' terribile. Ho un desiderio –che forse i berlinesi possono capire meglio di tutti – che gli uomini non costruiscano più muri, ma che si vadano incontro per conoscersi perchè tutti possiamo vivere insieme in pace senza guardare al paese di origine, al colore della pelle o alla religione che professiamo. Questo è il mio desiderio”.



 LEGGI ANCHE
• NEWS
31 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

La Comunità di Sant’Egidio ricorda il prof. Joachim Gnilka scomparso a Monaco all’età di 90 anni.

IT | DE
28 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

'Il piatto più buono è quelllo dell'amicizia': lo offre Sant'Egidio a tanti amici nelle periferie di Monaco di Baviera

IT | DE
25 Gennaio 2018

'La nostra missione: una Global Friendship'. In un video il messaggio dei giovani europei per la #GiornatadellaMemoria

IT | EN | DE | FR | HU
24 Gennaio 2018

I Giovani per la Pace contro il razzismo. Il loro messaggio in un video

23 Gennaio 2018
PERU

La Comunità di Sant'Egidio di Lima agli incontri con papa Francesco in Perù

IT | ES | DE | FR | PT
19 Gennaio 2018
MÖNCHENGLADBACH, GERMANIA

La Storia di Rawan: dalla guerra in Iraq alla Scuola della Pace

IT | ES | DE | NL | HU
tutte le news
• STAMPA
13 Marzo 2018
RP ONLINE

Flucht, Abi, Studium

25 Febbraio 2018
kathpress

Kardinal Marx fordert mehr Engagement für Einheit der Menschen

25 Febbraio 2018
Domradio.de

"Gräben zuschütten"

25 Febbraio 2018

„Gräben zuschütten, Spaltungen überwinden“

24 Febbraio 2018
Domradio.de

Im Dienst der karitativen Arbeit

21 Febbraio 2018
Vatican Insider

Sant’Egidio si unisce alla Giornata di digiuno per Congo e Sud Sudan indetta dal Papa

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
27 Gennaio 2018 | NAPOLI, ITALIA

Naples without violence. La solidarietà cambia il mondo

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Per un mondo senza razzismo – per un mondo senza violenza

Lettera Giovani Per La Pace di Catania all’Arcivescovo di Catania, Mons. Salvatore Gristina

tutti i documenti
• LIBRI

Alla Scuola della Pace





San Paolo
tutti i libri

FOTO

375 visite

332 visite

333 visite

372 visite

342 visite
tutta i media correlati