change language
sei in: home - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
20 Marzo 2016

«Investire sull'Africa conviene, è miniera di pace e sviluppo»

Garofalo (Sant'Egidio): le bombe finiscono solo per compattare le spinte di protesta

 
versione stampabile

«Spero che sia l'inizio di una nuova proiezione italiana in Africa, un continente in cui possiamo fare la differenza», dice Mauro Garofalo, responsabile delle Relazioni internazionali della Comunità di Sant'Egidio presente in 19 Paesi africani, dove gestisce 61 "scuole della pace". «In questi ultimi due anni - nota - si è vista una presenza nel continente delle più alte istituzioni italiane come mai prima». Si parla, peraltro, di economie in grande crescita. L'Etiopia, primo Stato toccato dalla visita di Mattarella, verso il quale l'Italia ha storici interessi, cresce negli ultimi dieci anni a un ritmo medio del 10 per cento. In Camerun, Paese verso del quale l'Italia è il secondo partner dopo la Francia, quest'anno dovrebbe crescere del 6 per cento. Paesi fragili, circondati da guerre e minacce terroriste. «Oltre che doveroso, investire sull'Africa può essere anche molto conveniente, per lo sviluppo del nostro Paese. Come per prevenire le ondate migratorie e il reclutamento del fondamentalismo».
Mattarella indica ad esempio la cooperazione fra italiani e camerunesi.
La nostra presenza in Africa nasce 20 anni fa come assistenza ai poveri, e si è sviluppata molto sull'educazione al dialogo.Il presidente della Repubblica ha incontrato i volontari di Dream, che si impegnano da anni per la lotta all'Aids, con centinaia di migliaia di persone sotto cura, anche per evitare il contagio per i figli. In Mozambico avevano visitato i nostri centri anche il presidente Renzi e l'Alto Rappresentante Mogherini. Oggi le condizioni in molte aree sono cambiate, e il viaggio di Mattarella credo sottolinei come l'Africa possa diventare una grande opportunità, per l'Italia e l'Europa.
La visita di tutte queste istituzioni è un buon segnale?
Un bellissimo segnale. Senegal, Mozambico, Congo Brazzaville, Camerun, Etiopia, sono tutti Paesi in crescita in cui l'Italia può fare la differenza, e nel cercare di farlo scopre che c'è già tanta Italia. C'è la cooperazione, ci sono i missionari.
Quanto è forte il rischio terrorismo in Camerun?
Boko Haram è una delle realtà più preoccupanti fra quelle che si rifanno allo Stato islamico. È nato prima di Isis, ricordo, e da vari anni fa sentire la sua presenza, oltre alla confinante Nigeria, in Ciad e anche nel Nord del Camerun.
Ma contro sanguinari e tagliagole può bastare l'invito al dialogo?
Lo ha spiegato bene Mattarella. Le bombe, gli interventi militari, non cancellano alla radice le cause dello svilupparsi di questi fenomeni. In taluni casi, anzi, finiscono per compattare le diverse spinte di protesta e le convogliano verso queste formazioni terroristiche. Le bombe non risolvono le ingiustizie, non creano sviluppo né portano democrazia. I giovani sono i più vulnerabili, in questi processi, come ha ricordato Mattarella. E l'educazione alla pace e la cooperazione allo sviluppo sono le armi migliori che abbiamo.
Boko Haram è un pericolo concreto, anche per voi?
Per i nostri operatori stiamo applicando condizioni di sicurezza sempre più stringenti, ma questo per il momento non ci crea problemi particolari.
Quanto influiscono le crisi di queste aree nella pressione migratoria verso le nostre coste?
In larga misura. Nigeria, Mali sono Paesi indeboliti dal terrorismo e dalla povertà. Aiutare la stabilizzazione può essere molto importante. Pensiamo all'occasione che ha la Repubblica Centro-africana, che è stata il teatro di tante guerriglie, e che ora ha fatto le sue elezioni, ha un nuovo presidente. È una grande opportunità, che va sostenuta.
Mattarella ha anche visitato in Camerun la fabbrica di cacao della Ferrero. Si può coniugare sviluppo e promozione sociale?
È il modello da perseguire. Fra Europa e Africa c'è un destino comune, scommetterci è una strada giusta, che procura anche tante convenienze. Ma le istituzioni italiane investono poco o niente sulla cooperazione. Vorrei essere ottimista. C'è una riforma in corso, una nuova agenzia da creare. Si tratta di dar vita a un nuovo modello. Non più quello di un Paese che aiuta e un altro che riceve aiuti. La nuova strada è la sinergia. Paesi che crescono, che hanno bisogno di tutto e che possono anche essere un'occasione per noi. È la convenienza del bene.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
5 Gennaio 2018
CONAKRY, GUINEA

Il ministro degli Esteri Alfano visita il centro Dream di Conakry "Qui i sogni si trasformano in realtà"

IT | DE | PT
22 Dicembre 2017
NAKURU, KENYA

In certe parti del mondo, l'acqua è il più bel regalo di Natale: una cisterna per le detenute di Nakuru in Kenya

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
19 Dicembre 2017
ADDIS ABEBA, ETIOPIA

Una delegazione di Sant'Egidio ad Addis Abeba incontra il Presidente della Commissione dell'Unione Africana Moussa Faki

IT | DE | FR | NL
1 Dicembre 2017

​​World AIDS Day, Sant’Egidio: curare l’Africa è, oggi ancor di più, curare le sue donne

IT | DE | PT | NL | HU
30 Novembre 2017

Europa e giovani migranti, il futuro va creato in Africa. Un articolo di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

27 Novembre 2017
ROMA, ITALIA

Basilica di San Bartolomeo: Preghiera in memoria di Suor Veronika Theresia Ràckovà, la sua vita per i malati in Sud Sudan

tutte le news
• STAMPA
24 Febbraio 2018
Avvenire

A spasso per Milano aiutando l'Africa

24 Gennaio 2018
Avvenire

Sviluppo. Alfano: «La Cooperazione è tornata al centro dell'agenda politica»

19 Gennaio 2018
Famiglia Cristiana

Europa e Africa, un destino comune

8 Gennaio 2018
OnuItalia

Alfano chiude missione in Africa al centro ‘Dream’ di Conakry (sant’Egidio)

30 Dicembre 2017
Notizie Italia News

La politica estera italiana nell'ultima legislatura. Un breve bilancio

7 Dicembre 2017
Famiglia Cristiana

E ora l'Europa si accorge dell'Africa

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

''Entente de Sant'Egidio'': Accordo politico per la pace nella Repubblica Centrafricana

Predicazione di Mons. Vincenzo Paglia alla veglia di preghiera per la pace e in memoria delle vittime degli attacchi terroristici a Parigi

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

tutti i documenti
• LIBRI
tutti i libri

FOTO

1526 visite

1701 visite

1522 visite

1538 visite

1569 visite
tutta i media correlati